DUBITO, IL GIOCO DEGLI ADOLESCENTI

In questi giorni di vacanza, dove con la #Crew2023 stiamo veleggiando e, alla sera, se si dorme in rada dove spesso (per fortuna) i cellulari prendono poco, rimane una sola cosa da fare, oltre a leggere: giocare a carte. E così ho scoperto, grazie ai figli e alla findanzatadelfiglio e all’amicodelfiglio un gioco di carte molto in voga tra i giovani: Dubito. Mi mancava, nonostante io lavori anche con ragazzi e ragazze. Già il nome è tutto un programma, e devo dire che è il gioco perfetto se penso ai giovani, soprattutto se adolescenti. Lo spiego per chi non lo conosce, è poi vi dico quali metafore educative mi ha stuzzicato.


IL GIOCO: parte uno che mette sul tavolo a testa in giù una carta, o anche più, dichiarando a voce alta quale ha messo, e quello dopo deve seguire. Se per esempio il primo dice un 4, per dire, tutti devono mettere giù un 4, e così il giro va avanti. Quando pensi che quello prima di te stia mentendo, e non abbia affatto calato quella carta, dici: <<dubito>>. E l’altro scopre le carte: se hai indovinato, prende lui tutte le carte del tavolo, se invece hai perso, cioè hai sbagliato a dubitare, prendi tu. Vince chi finisce tutte le proprie carte per primo. Carino, leggero, divertente.

I PENSIERI PEDAGOGICI: quando i figli entrano in adolescenza, soprattutto tra i 13 e i 15 anni circa (uhh che anni tosti! Non mi mancano affatto 😖) in famiglia è come giocare un continuo partitone a DUBITO. Ti chiedono di uscire quel sabato sera, e calano la carta del ‘esco con le solite amiche’. E tu sei lì che ti chiedi ‘sarà vero…o dubito?’ Ti dicono che no, non hanno da studiare quel pomeriggio, la Proff ha rimandato la verifica (eppure sul registro elettronico ancora c’è) e quindi possono sciallarsi sul cellulare quel pomeriggio, e tu sei lì che, come nel gioco di carte, ti domandi se sia meglio indagare o credere a qualcosa che sembra una mezza balla.

La gran fatica, con gli adolescenti, è questo continuo chiederti se devi pronunciare quel ‘Dubito’, scoprire le loro carte, magari prevenire una grossa cacchiata che stanno per fare, o non dubitare, dare credito a quello che stanno dicendo e che vogliono fare, anche se poi la verità fosse leggermente diversa dalla versione genitoriale. E lasciare che, in mezzo a delle mezze verità, loro apprendano dall’esperienza. Come è giusto che sia, in adolescenza. Ma, possibilmente, senza fare cacchiate irreparabili, per sé o per gli altri.

Che poi a dubitare sempre, eccessivamente, al primo giro di carte del gioco, gli adolescenti te li perdi. Perché loro non mentono sempre, e soprattutto loro detestano quando gli adulti sono eccessivamente sospettosi e invadenti. Si sentono non meritevoli di fiducia, e questo li fa sentire dei bambini incapaci. E odiano, in adolescenza, che qualcuno ricordi loro i bambini che sono stati. D’altro canto è anche vero che essere genitori ingenuamente troppo fiduciosi, quando i figli sono in quella fase di vita, è davvero un problema. Ho genitori che vengono nel mio studio dicendo che loro non controllano il cellulare del figlio quattordicenne, perché loro si fidano. Di un quattordicenne! Con un cellulare a disposizione! Senza regole e controlli! Auguri…Io lì sì che me lo giocherei, il “Dubito”.

Insomma, nella vita di noi genitori, come nel gioco di carte, serve avere un po’ di fortuna, ma poi la differenza la fanno i giocatori. E, come nel migliore dei giochi di strategia, l’adolescenza dei figli mette a dura prova alcune nostre competenze relazionali, fondamentali per superare quella fase, senza logorarsi troppo tra ansie e litigi: la pazienza, la tolleranza, la fermezza, la flessibilità, la capacità di mediazione, il saper soprassedere, l’ironia (per la fase di vita, non con i figli, che gli adolescenti ne sono sprovvisti), la solidità senza rigidità, la capacità di ascolto e di decentramento, il saper dare fiducia.

La fiducia, che fatica! Non troppa, che sarebbe da avventati, o un mezzo tentativo di fare gli amici dei figli. E loro di amici ne hanno, non hanno bisogno di un rapporto orizzontale con noi. Non troppa poca, che sarebbe disfunzione, perché quando ci parlano dobbiamo provare a dare loro credito, dobbiamo imparare ad ascoltarli di più, e non dire ogni volta, subito, per partito preso: “Dubito!!”.

Altrimenti finiranno, come nel gioco di carte, per mentire sempre. Con il rischio di rimanere, noi genitori, quelli che non sanno più che carte giocarsi nella relazione coi figli.

Ti piace questo articolo? Condividilo!

Commenta

WhatsApp chat

Utilizzo i cookie per migliorare la tua esperienza su questo sito. Continuando a utilizzare questo sito ne accetti l’utilizzo. Maggiori informazioni.